Total Pageviews

There was an error in this gadget

Thursday, January 14, 2010

Il colpo di stato contro Ceausescu


Intervista con il generale Stanculescu, organizzatore del colpo di stato contro Ceausescu 
Imbratisare – EVZ
L’ex generale Victor Atanasie Stanculescu, il capo dell’esercito rumeno nei momenti in cui Ceausescu fu rovesciato e che ha diretto la farsa del processo sommario che si concluse con la sua esecuzione, nel suo libro pubblicato di recente, “Infine, la verità”, spiega come è stato pianificato, insieme con i servizi segreti russi, il “colpo di stato” del dicembre 1989.
Si tratta di cinque interviste con lo storico Alex Stoenescu, dove il generale rivela i piani precedentemente concordati con i sovietici e gli americani, lo sviluppo del colpo di stato, e perché ci sono state tante vittime civili.
Una testimonianza importante che proviene dal cuore degli eventi, e che rivela alcuni dati che il mito della “
Rivoluzione rumena” s’impegna a nascondere.
Questa è la traduzione dell’articolo pubblicato in 
Evenimentul Zilei sul libro. Credo che questo articolo abbia sufficienti rivelazioni da leggere, per poter capire. Mi auguro che nel tempo possa scrivere un post sul libro, non avendo che le note di base pubblicate su di esso.
La teoria della “
rivoluzione” è promossa da tutti coloro che hanno cambiato casacca in tempo per rimanere ai vertici. Inoltre, funge da arma anticomunista perché fa credere che lo scopo delle manifestazioni di piazza di migliaia di cittadini sia stato il rifiuto del comunismo, quando al contrario, sostengono sempre più le prove, era richiesta la riforma, non il cambiamento del sistema. Questo non solo lo sostiene il popolo rumeno, con cui si può parlare prendendo unaUrsus (birra rumena), ma perfino per alcuni soggetti che hanno vissuto la rivoluzione, come il regista Sergiu Nicolaescu, pochi pensavano che stava per cambiare il regime, avendo solo richiesto la riforma del socialismo.
Stanculescu sostiene che i servizi segreti russi e americani progettarono il colpo di stato da un pò di  tempo, e che fu l’uomo che ha diretto gli eventi fino a quando Iliescu prese il potere. Il piano originale prevedeva un governo provvisorio militare, guidato da lui, ma alla fine si decise per un governo civile. Ci fornisce anche indicazioni su come la CIA intervenne sul governo della Romania dopo la rivoluzione, e sulla scelta dei suoi presidenti.

Stanculescu porta il KGB nella rivoluzione rumena 
L’era di Nicolae Ceausescu è finita con un classico colpo di stato militare, preparato dai servizi segreti sovietici, il KGB e il GRU (servizi segreti militari), e con l’aiuto di ufficiali romeni, come ha dichiarato il generale Victor Atanasie Stanculescu, il personaggio chiave degli eventi del dicembre 1989, in un libro presentato (…) presso la Biblioteca centrale di Bucarest.
Nel volume “
Infine, la verità“, il Generale Stanculescu colloquia con Alex Mihai Stoenescu, raccogliendo cinque interviste che il generale accordò allo storico, la primo nel 2004 e le altre nel 2009. L’ultima del 30 dicembre, nel carcere di Jilava (Nota: il generale è stato imprigionato come responsabile delle sparatorie della marina, a Timisoara).
Sono le rivelazioni di Stanculescu sui fatti come egli li conosce. La caduta di Ceausescu è stata provocata dall’estero, da parte dei sovietici e degli americani, ed egli era informato di tutto ciò. Descrive anche un evento che si è verificato nel lago Balaton in Ungheria, con il capo del KGB. Sapevo anche che ci sarebbe stato un conflitto organizzato tra l’esercito e la polizia politica, la Securitate“, dice lo storico Alex Mihai Stoenescu, autore di un altro libro sulla rivoluzione, “Cronologia degli eventi del dicembre 1989. ”
Il destino del regime comunista della Romania fu deciso da qualche parte, a Mosca e Washington, e una delle pedine fondamentali del golpe che avrebbe portato all’eliminazione dal potere di Ceausescu, fu Victor Atanasie Stanculescu, allora vice ministro della difesa.
Nella primavera del 1989, l’ex generale era in “
vacanza” con la moglie e la figlia sul lago Balaton, in Ungheria. A questa ‘escursione’ parteciparono anche il capo del KGB per l’Europa Orientale e il capo di stato maggiore ungherese, il Generale Ferenc Karpati, che discussero il “problemaCeausescu“.
“Questo Ceausescu finirà male!” 
Il capo del KGB era preoccupato per il fatto che la “liberalizzazione” che aveva effettuato Gorbaciov, avrebbe ricevuto una risposta dai romeni, perché reagivano a tutto ciò che proveniva da Mosca, in linea di principio. Ha sempre ripetuto che avremmo dovuto fare qualcosa e cooperare“, ricorda Stanculescu.
A seguito di questo incontro, su cui il generale ha rifiutato di fornire molti dettagli nel libro, è stato contattato nel mese di settembre 1989 dall’attaché militare ungherese a Bucarest, Sandor Aradi: “
Mi è stato presentato da un ex ufficiale della UM 0.110 (unità anti-KGB della Securitate), come un agente con uno straordinario potere di penetrazione in Romania.”
Aradi disse: “
Mi hanno detto che si è parlato con lei in passato (sul Lago Balaton). Dobbiamo unirci per poter uscire da questo pasticcio che si chiama ‘malattia del comunismo’“. Più tardi, Stanculescu l’ha informato che, dopo i colloqui di Mihail Gorbaciov con Ceausescu, il 4 dicembre 1989, quando il dittatore rumeno l’aveva accusato di “distruggere il comunismo“, il presidente russo tornò a Mosca e disse al suo assistente segretario alla Propaganda: “Questo Ceausescu farà una brutta fine“.
GRU e KGB decisero l’esecuzione di Ceausescu 
La decisione di rimuovere Ceausescu venne dai servizi segreti sovietici?”, ha chiesto lo storico Stoneascu, a cui il generale ha risposto seccamente: “GRU e KGB insieme”.
I primi giorni di dicembre, le truppe speciali della Direzione per l’Informazione (GRU) dello Stato Maggiore dell’Esercito Sovietico, chiamate 
Spetznaz, entrarono nel paese. In supporto venne impiegato un aereo da guerra elettronica, che perturbava il sistema di difesa terrestre. “Era troppo complesso per essere stato installato da noi”, spiega Stanculescu, riconoscendo che era stato impiegato dai sovietici “per facilitare i movimenti e per amplificare il caos generale e le azioni contro il regime”.
Inizialmente, dopo che il piano era stato già concordato con i servizi segreti stranieri, l’azione doveva cominciare all’interno, nel mese di novembre, subito dopo il XVI Congresso del PCR. “
Sono testimone che alla fine di novembre, siamo stati ingannati. Noi non sapevamo chi avrebbe fatto il primo passo. Alla fine l’hanno fatto i sovietici“, ha detto il generale, aggiungendo che nessuno ha agito per paura della Securitate.
“La Securitate sarà battuta”
La collaborazione tra russi e americani è confermata in un altro passo. Poco prima degli eventi del mese di dicembre, Victor Stanculescu ha fatto uscire la figlia e il figlio dalle strutture operative della polizia politica, la 
Securitate, “perché non venissero feriti.” “La Securitate sarà sconfitta“, dissero al generale.
Avendo alle sue spalle la 
Securitate, Ceausescu sarebbe stato protetto, così si decise di eliminare il problema. Queste informazioni furono fornite dall’attaché militare americano a Bucarest.
Per favore non dica i nomi. Sono andato alla residenza molte volte, anche con l’addetto militare francese (…) Le informazioni me l’ha date l’americano. ‘Attenti, ricordate che la Securitate deve scomparire!’. Mi dispiace, ma non posso dare dettagli più precisi, perché ne ho dimenticato alcuni e ho voluto dimenticare“, dice Stanculescu in una intervista.
KGB e GRU hanno sparato a Bucarest e Timisoara
Uno degli altri argomenti, che occupano alcune pagine del libro, è in relazione a uno dei grandi misteri della Rivoluzione: Chi erano i “
terroristi“? (nota: si chiamano terroristi coloro che sparavano contro l’esercito e i civili, una volta che la Securitate e la marina erano passate con i golpisti). Una questione che il generale Stanculescu chiarisce ai media: “Il fenomeno del terrorismo ha avuto due componenti. La componente esterna, sovietica, e le componenti interne, che hanno agito come uomini che, visto che il regime era stato rovesciato, dovevano resistere a questa azione. Alcuni terroristi furono arrestati da noi, dell’esercito, e molti ufficiali hanno anche lasciato le caserme. (…) Si sono nascosti un po’ e, infine, sono tornati alle unità. E nessuno sa che cosa hanno fatto durante questo periodo“.
Dei dati riportati negli archivi sovietici, studiati in Russia, mostrano che sia il KGB che il GRU hanno sparato dai tetti, sia a Bucarest che a Timisoara, sulle truppe, che erano tra la popolazione, con cui si unirono negli ampi movimenti di protesta. Inoltre, l’ex generale ha riconosciuto che vi erano formazioni militari che ricevettero direttive dal Comitato Centrale, che erano guidate per sezioni militari, e che avrebbero potuto prendere la decisione di difendere Ceausescu.
Noi non sappiamo molto, ma sappiamo che è stato fatto. Ciò che in seguito è stato reso noto, è che alcuni uomini sono stati messi da parte, non concentrati, non mobilitati, non inviati alle manovre; una parte attiva della Riserva dell’Esercito o dello Stato, e che vi erano attivisti tra di loro. Ci sono sempre stati dei permessi di massa, qualche centinaio da ogni unità, uomini che furono rimossi in modo discreto dal programma regolare.” (nota: si riferisce all’esercito romeno, che aveva unità di resistenza preparate a rispondere a un colpo di Stato).
In quei giorni, furono arrestati dei militari con l’ordine “
lasciato in bianco” (infiltrati), e furono rilasciati immediatamente. “Ho avuto in mano una lista di 1015 terroristi catturati, identificati dai militari. Mi è stato comunicato che erano stati arrestati e trattenuti dalla polizia. Di quelli che sono scomparsi, sono evaporati e non esiste più nulla. Il sistema dal quale proteggersi ha funzionato, per le situazioni estreme di cattura“. Più esattamente, precisa il generale, “si doveva dichiararli arrestati per errore“. Il termine “terroristi” è stato applicato anche agli agenti della Accademia Militare che, a seguito di ordini confusi, spararono a 38 uomini nella notte del 21-22, sulle barricate di fronte l’Hotel Intercontinental.
“Nel 1991, la CIA mi propose di candidarmi” 
Nelle vicinanze del potere – in parte garantito dal fatto che era stato scelto come principale pedina del colpo dai servizi segreti stranieri, e in parte perché Nicolae Ceausescu aveva piena fiducia in lui, i piani di Victor Atanasie Stanculescu presero quota.
Dopo il suicidio del generale Vasile Milea (nota: il ministro della difesa che si suicidò, secondo la versione ufficiale, dopo aver guidato la repressione di Timisoara), Ceausescu voleva Stanculescu come suo successore nel ruolo di Ministro della Difesa ma, dopo, Iliescu nominò Nicolae Militaru. Tuttavia, Stanculescu orchestrò, nella prima fase, il colpo di stato.
L’ordine di prendere il controllo dei consigli provinciali del partito nel paese, il ritiro dei corazzati di fronte il Comitato Centrale, il ritiro dell’elicottero e il suggerimento a Ceausescu di fuggire. Un classico colpo di stato.
Sono stato invitato a rivolgermi all’Istituto della Rivoluzione ed ho rifiutato, perché, così ho detto, non voglio partecipare scrivendo la storia di Iliescu. Le cose non sono andate come è stato raccontato“, testimonia nel libro Stanculescu. Il generale ha, inoltre, riconosciuto, costretto dai testimoni coinvolti a Timisoara e dalle prove portate da Alex Mihai Stoenescu, che ha ordinato che ai lavoratori delle fabbriche, a Timisoara, fosse consentito di uscire, per amplificare le dimostrazioni.
Prima che Iliescu entrasse potentemente negli eventi, i piani per la Romania del dopo Ceausescu dimostravano che cambiavano poco rispetto a quelli di Victor Stanculescu, vale a dire: “
la fase principale è stato il modello portoghese, vale a dire un breve regime militare, seguito da un regime democratico appoggiato dall’esercito. Finora ho sostenuto che proprio questo è successo, ma i compagni non vogliono ammetterlo. Penso che avremmo potuto, in questo periodo che chiamiamo fase di transizione, risolverlo in uno stile simile alla Grecia o al Portogallo dove ho vissuto, perché io ci sono stato, subito dopo le azioni militari. A tre mesi dal rovesciamento del governo salazarista di Caetano, sono stato a Lisbona, e quelle manovre erano state eseguite in nome dell’esercito”.
Si parla del colpo di stato del 1974 e del movimento delle forze armate. A capo dello Stato si sarebbe installato lo stesso Stanculescu: “
Sono stato moralmente e professionalmente preparato a prendere il controllo di tutto il paese, e a garantire la transizione e la tranquillità della popolazione, ma quando ho cercato di fare qualcosa, hanno bloccato ogni possibilità di azione“.
La seconda opportunità per accedere alle funzioni più alte dello Stato, fu data nel 1991. L’ex generale ha detto che i primi contatti con gli americani avvennero attraverso l’MI6, i servizi segreti britannici, con cui ha avuto ‘
stretti contatti’.
In base alle sue dichiarazioni, il 2 dicembre 1991, ebbe un appuntamento con due americani, in un quartiere di Bucarest, un agente della CIA e un rappresentante del Ministero della Difesa: “
Abbiamo una domanda, ci verrà chiesto se siete interessati a partecipare alle prossime elezioni presidenziali in Romania“, era la proposta che gli hanno fatto entrambi.
Se parlò di eseguire 
‘un sondaggio sui pareri all’estero’, per indagare sull’immagine di Stanculescu all’estero, e su certi settori della popolazione. Costo: 3 milioni di dollari, di cui una parte sostenuto dagli americani.
Abbiamo assicurato le elezioni in Colombia, Indonesia, credo fossero questi due paesi, ma non abbiamo i soldi al momento. Dopo essere diventato presidente, restituiremo i soldi.” Respinse categoricamente la proposta. “Non faccio così“, riporta la conversazione Stanculescu. “Il rifiuto fu causato dalla mia paura di non poter pagare il debito“.
Traduzione di Alessandro Lattanzio
Aurora - Bollettino Aurora - SitoAurora - Eurasia

No comments: