Total Pageviews

There was an error in this gadget

Sunday, October 10, 2010

Sarah Scazzi

Pontifex.Roma"Stento a crederci, davvero il Vescovo del luogo ha autorizzato una liturgia funebre di una non battezzata in Chiesa"? si domanda don Davide Pagliarani, Superiore della Fraternità San Pio X, lefebvriani e depositaria della gloriosa e salda tradizione nella fede. Perché don Davide? "esprimo tutta la mia umana solidarietà e vicinanza alla famiglia delle povera Sarah e prego per lei. Ma tutto questo non giustifica la dispensa alla celebrazione di una liturgia funebre religioso a chi non é stato battezzato. Siamo davanti ad una situazione che ridicolizza la chiesa, offende la fede e forse anche la famiglia della vittima se é dei Testimoni di Geova. Il funerale e la sepoltura con rito cattolico possono essere dedicate solo a chi é battezzato ed ha ricevuto i sacramenti e non ad altri, e davvero stento a credere che un vescovo abbi potuto stravolgere a questo punto la verità". Poi si ferma e dice: "meglio, lo capisco e lo spiego con la mentalità venutasi a ...
... creare dopo il Vaticano II con tante e diverse interpretazioni, un a sorta di macedonia teologica e dunque con una chiesa che invece di seguire il divino, va dietro all'umano".
Ovvero? "tutto questo é frutto di una chiesa che corre dietro alle mode storiche, alla evoluzione dei tempi. Si evolvono cambiano i tempi e allora si crea una nuova moda anche nella tradizione della Chiesa, ben sapendo che le verità sono immutabili e non trasformabili con un assurdo relativismo storico ed etico".
Ovvero? "dopo il Vaticano II ogni Vescovo si é sentito autorizzato a creare una sua interpretazione dei fatti, delle verità e delle norme, di fatto realizzando un inaccettabile relativismo etico ed anche dogmatico. Questo ha portato non ad una unica verità, ma a varie interpretazioni ragion per cui oggi non esiste una dogmatica unica, ma ciascuno si alza e se ne fa una. Siamo al caos".
Che intende dire? "se si fosse seguita la linea di una sola verità, quella depositaria da sempre della Chiesa cattolica, a tanto non si sarebbe arrivati. Oggi abbiamo tanti santoni che pontificano e dicono la loro in libertà e questi santoni si chiamano Tettamanzi, Mancuso, Bruno Forte e così via. Storcono secondo le loro idee, ovviamente in buona fede, la dottrina e creano confusione nelle menti dei fedeli".
Come si raggiunge la salvezza? "rispettando i comandamenti, la legge naturale, i sacramenti e la dottrina della Chiesa. Solo attraverso la chiesa cattolica é salvezza e non negli altri che non sono depositari della verità. Ecco le visioni maldestre dell'ecumenismo. Chi non é battezzato o ha rifiutato la visione cattolica oggettivamente parte svantaggiato. Certo prendiamo il caso del selvaggio che non ha avuto la possibilità di conoscere Dio, costui é perdonato. Ma se la Chiesa avesse il suo anelito missionario e non ecumenico cercherebbe di salvare anche lui. Ma chi per volontà rifiuta la visione cattolica si mette oggettivamente fuori gioco. Poi sta a Dio decidere definitivamente".
Quali sono i peccati da perdonare? "tutti, Dio cerca di salvare tutti, anche il peggior peccatore se si pente realmente e cambia rotta. Ma esistono peccati non perdonabili come per esempio quelli contro lo Spirito Santo, ovvero di chi volontariamente rinnega Dio, o sconfida in lui o presuntuosamente non ci crede. A questi peccati appartengono anche coloro che storcono volontariamente le verità di fede, mettono in circolo false dottrine".
Bruno Volpe

No comments: