Total Pageviews

There was an error in this gadget

Saturday, February 05, 2011

Una storia ammonitrice


By admin
William Blum The Anti-Empire Report 3 febbraio 2011
Nel luglio del 1975 sono andato in Portogallo, perché nel mese di aprile dell’anno prima, un colpo di stato militare incruento abbatté il regime fascista in Portogallo, appoggiato dagli USA per 48 anni, l’unica potenza coloniale rimasta al mondo. Ciò fu seguito da un programma incentrato sulla nazionalizzazione delle grandi industrie, il controllo dei lavoratori, un salario minimo, la riforma agraria e altre misure progressiste. I militari in una nazione occidentale che parlavano come socialisti erano fantascienza, nella mia mente americana, ma era diventata una realtà in Portogallo. Il centro di Lisbona era affollato da mattina a sera con gente che discuteva dei cambiamenti e metteva volantini nelle bacheche. Il simbolo visivo della “rivoluzione” portoghese era diventata la foto di una bambina che metteva una rosa nella bocca di un fucile tenuto da un soldato amichevole, e mi sono mescolato a manifestazioni e cortei con la gente, che stava in piedi sui carri armati e lanciava rose rosse, con le folle acclamanti i soldati. Era roba decisamente sorprendente, e io volevo crederci con tutto il cuore, ma io e la maggior parte delle persone con cui ho parlato, non avevamo alcun dubbio che gli Stati Uniti non potevano lasciare che una così fresca  boccata d’aria durasse a lungo. Il rovesciamento del governo cileno meno di due anni prima, aveva sollevato la coscienza politica collettiva del mondo, così come il livello di scetticismo e paranoia a sinistra.
Washington e i funzionari delle multinazionali che erano nei consigli di amministrazione del pianeta erano  effettivamente preoccupati. Oltre a qualsiasi altra cosa, il Portogallo era un membro della NATO. La destabilizzazione divenne la parola d’ordine del giorno: azioni segrete,  attacchi della stampa statunitense; sovversione dei sindacati, sovvenzione dei media d’opposizione, sabotaggio economico attraverso il credito e il commercio internazionali; pesante finanziamento di candidati selezionati alle elezioni, un esclusione del Portogallo da certe informazioni militari e nucleari, comunemente disponibili ai membri della NATO, esercitazioni navali e aeree della NATO al largo delle coste portoghesi, con 19 navi da guerra NATO ormeggiate nel porto di Lisbona, considerate dalla maggior parte dei portoghesi come un tentativo di intimidire il governo provvisorio. Nel 1976 il Partito “socialista” (poco più a sinistra e non meno anti-comunista del Partito Democratico degli USA)  salì al potere, largamente finanziato dalla CIA, l’Agenzia ottenne che anche altri partiti social-democratici europei occidentali contribuissero a pagare il conto. La rivoluzione portoghese era morto, morta. 1
Gli eventi in Egitto non possono fare a meno di ricordarmi del Portogallo. Qui, là, e dappertutto, ora e prima, gli Stati Uniti d’America, come sempre, pietrificano qualsiasi cosa sia realmente progressista o socialista, o anche troppo democratica, che porti il pericolo di permettere dio-sa quale tipo di non-Americano si pensi possa andare al potere. Honduras 2009, Haiti 2004, Venezuela 2002, Ecuador 2000, Bulgaria 1990, Nicaragua 1990 … e altre decine di … niente, nessuno, se c’è una scelta, anche un dittatore, un torturatore, è meglio.
Siamo così bravi anche i nostri nemici ci credono
Ho dedicato molto tempo e fatica alla questione di come raggiungere la mente americana in materia di politica estera degli Stati Uniti. In larga misura ciò  si riduce a cercare di controbilanciare indottrinamento a vita di qualcuno nato negli Stati Uniti, ha ricevuto. Capita nelle notizie di ogni giorno.
Il 27 gennaio, il Washington Post pubblicò un articolo sul personale del Dipartimento di Stato che era stato tenuto in ostaggio presso l’ambasciata statunitense a Teheran, in Iran, per circa 14 mesi, nel 1979-81. Gli ex ostaggi stavano preparandosi a tenere un ricordo del 30° Anniversario, il giorno successivo.
Era sbagliato in ogni senso concepibile“, ha detto L. Bruce Laingen, che era l’incaricato d’affari. “Era assolutamente sbagliato. … Questo è il mio ricordo più vivo oggi“. L’ex funzionario politico John W. Limbert concorda, dicendo che “approfitterebbe di qualsiasi occasione” per raccontare ai suoi rapitori “Che terribile cosa avevano fatto secondo i loro criteri.”
Da quali criteri, mi chiedo, secondo quest’uomo, i suoi rapitori iraniani siano stati guidati? Nel 1953, gli Stati Uniti avevano rovesciato il governo democraticamente eletto di Mohammad Mossadegh, causando, come previsto, il ritorno al potere dall’esilio dello Shah. Ciò ha portato a 26 anni di governo d’oppressione che comprendeva tortura di routine, mentre lo Shah era continuamente salvaguardato dal sostegno militare degli Stati Uniti. Non è questo un motivo sufficiente per gli iraniani di essere aspramente arrabbiati con gli Stati Uniti? A cosa pensa il sig. Limbert? Cosa dovrebbero pensare gli americani leggendo o sentendo commenti del genere? Leggono o ascoltano notizie distorte in relazione al pertinente ruolo storico o presente degli USA nel mondo, ogni giorno, e come nell’articolo del Washington Post qui citato – non c’è correzione da parte del giornalista, ne domande, nessuna critica viene espressa sull’idea di un’America Nobile, l’America vittima perpetua dei Cattivi.
Ateo: “La blasfemia è un crimine senza vittime
Salman Taseer è stato assassinato in Pakistan, poche settimane fa. Era stato il governatore della provincia del Punjab e membro del secolare Pakistan People’s Party. L’uomo che lo ha ucciso, Mumtaz Qadri, viene elogiato da alcuni come un eroe, piogge di petali di rosa cadono su di lui. Le foto scattate sulla scena lo mostrano sorridente.
Taseer aveva osato parlare contro la severa legge anti-blasfemia del Pakistan, chiedendo clemenza per una madre cristiana condannato a morte per il divieto di blasfemia. Un gruppo nazionale di 500 studiosi religiosi ha elogiato l’assassino e ha emesso un avviso a coloro che piangono Taseer. “Colui che sostiene un bestemmiatore è anch’egli un bestemmiatore“, il gruppo ha detto in una dichiarazione, avvertendo giornalisti, politici e intellettuali di “imparare” da questo omicidio. “Che cosa ha fatto Qadri per aver reso orgoglioso ogni musulmano“. 2
Non c’è da meravigliarsi che statunitensi decenti e timorati di Dio, credano che questo tipo di pensiero e di comportamento giustifichi le guerre multiple di Washington e che questo è ciò per cui gli Stati Uniti stanno combattendo contro fanatici maniaci omicidi islamici che uccidono i loro connazionali per qualche pezzo esoterico di dogma religioso, che vogliono uccidere gli statunitensi per qualche altro peccato capitale immaginario, perché o siamo “infedeli” o siamo “blasfemi”. Come possiamo ragionare con queste persone? Dove si trova la comune umanità che gli ingenui pacifisti e gli attivisti anti-guerra vorrebbero farci onorare?
Ma la guerra può essere vista come una religione dell’America – le più recenti in Pakistan, Iraq, Afghanistan, Somalia, Yemen, e molti altre in passato – tutti i non-credenti nella Chiesa di Washington di Nostra Signora dell’Eterna Invasione, del Sacro bombardamento e dell’Immacolata tortura, che tutto condanna a morte per blasfemia, in quanto ogni giorno gli Stati Uniti scatenano le benedetto macchine di morte denominate Predators, robot che volano sopra le loro terre per inviare sibilanti missili “Hellfire“* (sic) contro feste di matrimonio, funerali, case, non sapendo chi siano le vittime, senza curarsi delle vittime, a migliaia oramai, con Washington che reclama ogni volta – correttamente o meno – che tra di loro c’erano bestemmiatori di spicco, definiti taliban o Al Qaida, o ribelli, o militanti. Come possiamo ragionare con queste persone, con quelli della CIA che pilotano questi droni bombardieri? Qual è la differenza tra loro e Mumtaz Qadri? Qadri sorrideva di soddisfazione dopo aver effettuato la sua santa missione. L’uomo della CIA si siede comodamente in una stanza in Nevada e gioca la sua santa partita video, poi va fuori per una sazia cena, mentre le sue vittime stanno morendo. Mumtaz Qadri crede appassionatamente in qualcosa chiamato Paradiso. L’uomo della CIA crede appassionatamente in qualcosa che si chiama ‘American Exceptionalism’.
Così come la grande maggioranza degli americani. Il nostro operatore drone non è necessariamente un “estremista“. Sam Smith, l’editore di una meravigliosamente leggibile newsletter, la Progressive Review, ha scritto di recente: “Uno dei più grandi miti diffusi su questa terra è che i cosiddetti estremisti provengono principalmente dall’estrema destra e dall’estrema sinistra. E che c’è, tuttavia, un gruppo di saggi e moderati che ci salverà dalla loro follia. In effetti, gli estremisti reali si trovano al centro. … dopo aver catturato sia i grandi media che le cariche pubbliche, [essi] diffondono disastri, morte e decadimento impunemente. Prendiamo, per esempio i 60.000 soldati statunitensi uccisi nelle guerre inutili iniziate con il Vietnam. Adesso contate il numero di omicidi politici, di omicidi per odio, atti di terrorismo e così via. Semplicemente non c’è paragone. Ma ogni guerra che noi abbiamo combattuto in tempi moderni, è stata scelta direttamente dalla dirigenza statunitense, quelli che pomposamente si definiscono moderati, centristi, o bipartisan.” 3
Estendendo il confronto: nel 2008 un giovane statunitense di nome Sharif Mobley si trasferì nello Yemen per studiare l’arabo e la religione. I funzionari statunitensi sostengono che il suo scopo era in realtà aderire ad un gruppo terroristico. “Vedono Mobley come un possibile quadro nativo americano, attratto dal violento jihad“. 4 Non si può ben dire così, dei molti giovani nativi americani che volontariamente si arruolano per combattere in una delle molte guerre all’estero degli USA, “siano portati a un violento jihad“?
Gli elementi di interesse di un articolo che ho conservato per 40 anni
(Alcuni scritti da me, la maggior parte da altri, per quelli privi di una fonte mi si può inviare una e-mail.)
I più grandi crimini della nostra generazione – la tortura, le intercettazioni senza mandato e consegne straordinarie – non sarebbero venuto alla luce, se non con la divulgazione non autorizzata di informazioni classificate. Per aver scritto di pugno molti “Ma non possiamo, volenti o nolenti rivelare informazioni classificate”, si crede che Abu Ghraib non sia stato classificato?” – Jesselyn Radack
Il beneficiario principale dei programmi di assistenza estera americani sono sempre stati gli Stati Uniti.” – US Agency for International Development, “I benefici economici diretti dei Programmi di assistenza USA” (1999), cioè, la maggior parte del denaro viene versato direttamente a imprese statunitensi.
Nel 1963, l’amministrazione Kennedy si trovò di fronte ad una situazione in costante disintegrazione in Vietnam. Nel corso di una turbolenta riunione di gabinetto, il procuratore generale Robert Kennedy aveva chiesto: Se la situazione è così disastrosa, perché non ritirarsi? Lo storico Arthur Schlesinger, presente alla riunione, ha osservato come “la questione si librò per un momento, poi si spense.” Fu “un pensiero disperatamente alieno in un campo inesplorato di ipotesi e convinzioni radicate.”
Ho guardato 21 marines in alta uniforme con fucili, salutare il Presidente con una salva di 21 cannoni. E’ stato allora che ho capito quanto i militari statunitensi si siano deteriorati. Ognuno di loro ha perso un bastardo.
L’espansione sovietica era legittima difesa, non l’imperialismo come quello degli Stati Uniti. I sovietici, nella prima e nella seconda guerra mondiale, ha perso circa 40 milioni di persone, perché l’Occidente aveva usato l’Europa orientale come una autostrada per invadere la Russia. Non dovrebbe sorprendere che, dopo la seconda guerra mondiale, i russi erano determinati a chiudere quella autostrada.
Nel marzo 2010, il segretario alla “difesa” Robert Gates si lamentava che “in generale, il pubblico [europeo] e la classe politica” così contrari alla guerra sono un “ostacolo” alla pace.
Il problema principale è creato sia dagli Stati Uniti che da Israele, quali nazioni che hanno qualcosa a che fare con le popolazioni indigene. Stessa soluzione. Uccideteli. Illegalmente. Senza pietà.
Dal film “La battaglia di Algeri“:
Giornalista: signor Ben M’Hidi, non pensa che sia un po’ vile usare cestini e borsette delle donne per trasportare ordigni esplosivi che uccidono tanti innocenti? Ben M’Hidi: E le non sembra ancora più vile sganciare bombe al napalm contro dei villaggi indifesi, causandovi mille volte più vittime innocenti? Certo, se avessimo i vostri aeroplani sarebbe molto più facile per noi. Dateci i vostri bombardieri, e noi vi daremo i nostri cestini.
 …la continua transizione dalla guerra fredda a una perpetua guerra globale al terrorismo
Uno dei motivi per cui alcuni paesi ospitano basi statunitensi è perché i capi sono preoccupati di essere rovesciati da un colpo di stato, e pensano che la presenza delle forze armate statunitensi potrebbe scoraggiare tali azioni o, se scoppia un colpo di stato, gli Stati Uniti possano contribuire a spegnerlo. Ci sono anche i sostanziosi grande pagamenti effettuati al governo degli Stati Uniti e il fattore prestigio. I piccoli paesi possono avere complessi di inferiorità e, per quanto possa sembrare assurdo a gente come voi e io, avere una base statunitense nel Paese può sembrare una piuma nel loro cappello, uno degli stessi motivi per cui entrare nella NATO. Un altro motivo per avere una base: gli Stati Uniti possono avere informazioni di intelligence imbarazzanti per il leader del paese. Questo è noto come ricatto.
George Washington si riferiva alla nuova repubblica americana come a un “Impero infantile“. Gli aiuti stranieri potrebbe essere definiti come un trasferimento di denaro dai poveri dei paesi ricchi ai ricchi dei paesi poveri.
Egli [Obama] sta cercando di dire: ‘Non ci odiate … ma noi continueremo a uccidervi’.” – Ayman al-Zawahri, il vicecomandante di Al Qaeda.
Poichè sia gli Stati Uniti che la Francia hanno perso in Vietnam, la ‘lotta per la nostra libertà’ non avrebbe dovuto avere successo, e dovremmo essere sotto l’occupazione dell’Esercito del Vietnam del Nord. La prossima volta che sei in strada e vedi passare una pattuglia della NVA, per favore saluta e digli Tim vi dice ciao.” Tim Moriarty
Il Museo Americano di Storia, sulla Mall di Washington, DC: Una delle più popolari mostre degli ultimi anni è stata “Il Prezzo della libertà: gli americani in guerra“. Ciò includeva un omaggio agli “eccezionali americani [che] hanno salvato un milione di vite umane” in Vietnam, dove erano “determinati a fermare l’espansione comunista“. In Iraq, altri veri cuori “impiegati in attacchi aerei di precisione senza precedenti“.
Gli Stati Uniti sono diventati il bersaglio dei terroristi il 9/11, non a causa della libertà e della democrazia del paese, ma perché la politica statunitense in Medio Oriente non ha avuto nulla a che fare con la libertà e la democrazia.” – Stephen Zunes
I documenti di Wikileaks sollevano questioni nazionali imbarazzanti, non di sicurezza nazionale. Le rivoluzioni arancione, rosa e verde in altri paesi, richiedono un intervento coordinato del governo statunitense volto a creare ciò che è stato chiamato movimenti civici “geneticamente modificati” .
Mikhail Gorbaciov: “Mi sento tradito dall’Occidente L’occasione che abbiamo colto in nome della pace è stata persa. L’intera idea di un nuovo ordine mondiale è stata completamente abbandonata…” (Intervista nel 2000.)
George Bernard Shaw usava tre concetti per descrivere le posizioni degli individui nella Germania nazista: intelligenza, decenza e nazismo. Egli ha sostenuto che se una persona era intelligente e nazista, non era decente. Se era decente e nazista, non era intelligente. E se era decente e intelligente, non era un nazista. – (Io suggerisco che il lettore sostituisca per la parola “nazista” con quella che ritenga opportuna.)
L’intera arte della politica conservatrice del 20° secolo, è stata implementata per consentire alla ricchezza di convincere la povertà ad usare la sua libertà politica per mantenere la ricchezza al potere.” – Aneurin Bevan, ministro del Partito laburista (UK), 1897-1960
Quale avversario ha una marina militare che giustifica la nostra spesa di 90 miliardi di dollari per i 30 sottomarini classe Virginia, e quale nemico ha forze aeree che giustificano i nostri piani per circa 340 aerei da combattimento F-22, per un costo di 63 miliardi di dollari? Questo è carne di maiale e immensi rifiuti, che fa sembrare il ‘Ponte verso il nulla’ un gioco da ragazzi.” – Lettera sul Washington Post, 2009
Così molti leader stranieri tacciono di fronte ai crimini degli Stati Uniti, anche quando ne sono la vittima, poiché vi siamo abituati. Ecco perché le esplosioni di Hugo Chavez sembrare strane e pericolose.
Note1. William Blum, “Rogue State: A Guide to the World’s Only Superpower“, pagine 187 e 228
2. Washington Post, 5 gen 2011
3. Progressive Review, 27 Gennaio 2011
4. Washington Post 5 settembre 2010 
William Blum è autore di:
Il libro nero degli Stati Uniti
Con la scusa della libertà
Rapporti dall’Impero

Alcune parti del libro possono essere lette, e copie firmate acquistate, su Killinghope.org
Precedenti Anti-Empire Report possono essere letti su questo sito.
Per aderire a questa mailing list è sufficiente inviare una mail a bblum6[at]aol.com con “add” nella riga dell’oggetto. Vorrei il vostro nome e città nel messaggio, ma questo è facoltativo. Chiedo della vostra città solo nel caso in cui  dovessi parlare nella vostra zona. (O mettere “rimuovi” nell’oggetto per fare il contrario.)
Qualsiasi parte di questo rapporto può essere diffuse senza autorizzazione. Sarei grato se il sito web venga citato.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – Aurora03.da.ru

No comments: