Total Pageviews

There was an error in this gadget

Monday, July 08, 2013

Il Mossad controlla gli islamisti

Aangirfan 20 giugno 2013
205060Il 19 giugno 2013, un giornale algerino ha rivelato che il Mossad d’Israele controlla i gruppi islamici salafiti-wahhabiti in Algeria. Secondo il quotidiano algerino al-Fajr, il Mossad usa i gruppi islamici salafiti-wahabiti per reclutare algerini per la guerra in Siria. Questi algerini vengono inviati in Siria in supporto degli altri terroristi sostenuti dagli stranieri nella lotta contro il popolo e il governo siriani. Il Mossad recluta giovani algerini per combattere i siriani
Fonti del quotidiano algerino dicono che i gruppi islamici salafiti-wahabiti in Algeria sono in contatto diretto con gruppi simili in Tunisia e che anche ricevono aiuti finanziari e militari dal Qatar. Il 17 giugno 2013, un alto ufficiale austriaco ha rivelato che Israele fornisce assistenza logistica e militare ai gruppi terroristici islamici che combattono in Siria. “Israele attraversa il confine con la Siria molto spesso e interferisce nei villaggi di confine della Siria a un ritmo inimmaginabile, e queste interferenze comprendono assistenza e supporto (ai gruppi ribelli e terroristici) in vari settori logistici, militari e medici“, ha detto l’ufficiale austriaco in intervista al settimanale palestinese al-Manar. Il soldato austriaco ha detto che Israele ed i gruppi terroristici islamici hanno un centro operazioni congiunto nelle aree di confine tra la Siria e i territori palestinesi occupati. L’ufficiale austriaco era stato schierato sulle alture del Golan.
Il 16 giugno 2013, fonti di sicurezza del Qatar rivelavano che il coordinatore israeliano per gli affari siriani, Afif Shavit, aveva incontrato funzionari del Qatar a Londra a fine maggio, per discutere l’invio di altre armi ai gruppi ribelli che combattono contro il governo siriano. Secondo le fonti della sicurezza del Qatar: “L’incontro di 4 ore si è tenuto alla Braum House di Londra… il 20 maggio. Nella riunione è stato deciso che Israele prepari e fornisca le armi necessarie ai terroristi in Siria e negozi con aziende produttrici di armi europee l’acquisto di armi e il trasferimento del denaro, e che da parte del Qatar si coprino i fondi e i bilanci necessari per gli acquisti.” Alla fine di maggio 2013, il senatore John McCain visitava la Siria per incontrare i gruppi legati ad al-Qaida.
Mossad e CIA sono consapevoli che i ‘musulmani’ non sono più religiosi dei ‘cristiani’. Un gran numero di musulmani e di cristiani è ben felice di farsi sedurre da sesso e denaro. Musulmani e cristiani possono subire anche il lavaggio del cervello. Proprio come le chiese cristiane e le associazioni di beneficenza possono essere gestite dalla CIA e dal Mossad, può succedere che anche gruppi musulmani siano rilevati dalla CIA e dal Mossad.
1. Nel 1960, i guerriglieri islamici furono sostenuti e utilizzati dall’MI6 britannico. Secondo The Independent (UK): “Documenti del governo mostrano che le spie britanniche, tra cui l’MI6, hanno supportato i guerriglieri islamici per destabilizzare Sukarno.” (Healey ammette il suo ruolo nella campagna dei trucchi sporchi inglesi per rovesciare il presidente indonesiano Sukarno, Paul Lashmar e James Oliver, The Independent, 16 aprile 2000. The Secret State: MI5 (Home Office/MoD))
In Indonesia, i generali fascisti addestrati dagli statunitensi, alcuni dei quali cristiani, collaborarono a un’alleanza con estremisti musulmani, Mossad e oligarchi cino-indonesiani. Il reggimento d’elite Kopassus, lavorava a stretto contatto con il Mossad. Secondo Killing Hope: US Military and CIA Interventions Since World War II di William Blum (Indonesia 1957-1958): “Nei primi mesi del 1958, la ribellione esplose in una parte dell’arcipelago indonesiano, poi in un’altra.” Piloti della CIA volarono effettuando missioni di bombardamento e mitragliamento a sostegno dei ribelli (islamisti). “Il 15 maggio, un aereo della CIA bombardò il mercato di Ambon, uccidendo un gran numero di civili (cristiani) in cammino verso la chiesa dell’Ascensione… Tre giorni dopo, durante un altro bombardamento su Ambon, un pilota della CIA, Allen Lawrence Pope, fu abbattuto e catturato.”
2. Su The Age, (We must not get back in bed with Kopassus), il dottor Damien Kingsbury, della Deakin University, scrisse dei militanti musulmani in Indonesia e dei loro legami con i militari addestrati dagli statunitensi. Kingsbury sottolinea che il Komando Jihad, divenuto Jemaah Islamiah, fu istituito dai generali indonesiani (addestrati dagli statunitensi).
3. “Secondo l’agente della CIA Miles Copeland… la CIA iniziò a collaborare con i Fratelli musulmani… Questo segnò l’inizio di un’alleanza tra i regimi tradizionali e i movimenti islamici di massa contro Nasser e le altre forze laiche”. (Use of the Muslim Brotherhood by MI6 and CIA...)
Secondo un articolo intitolato “Gli inglesi, il terrorismo islamico e l’11 settembre“: “In Siria, nel 1982, ci fu un grande conflitto tra i Fratelli musulmani e il governo siriano presso la città di Hama che provocò 20.000 vittime. In seguito, il presidente siriano Assad rivelò che le forze dei Fratelli musulmani erano dotate di armi made in USA… Israele, sempre incline a sostenere i movimenti divisivi, emerse come altro sostenitore dell’Islam e iniziò a finanziare i Fratelli musulmani e il movimento islamico palestinese Hamas. Il più grande successo del movimento islamico in quel periodo fu naturalmente il rovesciamento dello Scià di Persia e l’installazione di Khomeini quale dittatore islamico. L’intelligence islamica usò i suoi contatti con i mullah e ayatollah iraniani per rovesciare Mossadegh e installare lo Scià nel 1953, e questi contatti furono mantenuti e riutilizzati per rovesciare lo Scià, quando il suo regime cadde in disgrazia.”
0 rashid-raufRashid Rauf
4. La CIA e i suoi amici aiuta i suoi agenti musulmani a sfuggire alla prigione? Rashid Rauf, l’ ‘ideatore terrorista’ inglese del presunto complotto per far esplodere almeno 10 aerei di linea sull’Atlantico, riuscì a sfuggire alla prigione.  (Top British terror suspect escapes)
Jamal al-Badawi fu  condannato nel 2004 per l’ideazione e l’esecuzione dell’attacco alla nave Cole. Sfuggì alla prigione nel 2004. Nell’ottobre 2007, al-Badawi, dopo aver giurato lealtà al presidente yemenita Ali Abdullah Saleh,gli venne detto che era libero.
Omar_al-Faruq_al-IraqiOmar al-Faruq
Omar al-Faruq è stato descritto come la mente del complotto terroristico di Bali. Al-Faruq fu arrestato a Bogor il 5 giugno 2002 e consegnato alle autorità statunitensi. L’ex capo dell’Ufficio Coordinamento dell’Intelligence dello Stato indonesiano (BAKIN) A. C. Manulang, venne citato dal  Time dire che al-Faruq molto probabilmente era un agente reclutato dalla CIA. (Omar al-Faruq Recruited by The CIA). Nel 2005, un funzionario del Pentagono confermò che al-Faruq era fuggito dal centro di detenzione statunitense di Bagram, in Afghanistan. (Pakistan News Service – PakTribune)
Haroon Rashid Aswat fu descritto come la mente degli attentati di Londra del 7 luglio. Le autorità dichiararono che Aswat aveva effettuato le chiamate in telefonia mobile a due degli attentatori del 7 luglio. (‘Batley man’ linked to bin Laden and bombers – Yorkshire Evening Post). Dopo che Aswat venne consegnato alla polizia britannica, il quartier generale di Scotland Yard  dichiarò, il 7 agosto 2005, che gli investigatori non erano interessati a parlare con Aswat degli attentati di Londra. Secondo quanto riferito, Aswat ha lavorato per l’MI6.  (Haroon Rashid Aswat – Wikipedia)
CIAQuesto è un campo di addestramento dei mujahidin nel 1987. Il capo delle spie del Pakistan Hamid Gul (davanti a sinistra); il capo della CIA William Webster (secondo a sinistra).  Foto: Rawa
La CIA e i suoi amici vanno a letto con gli estremisti islamici. Sia la CIA che gli islamisti sostengono il fascismo e il feudalesimo. Su Voltairenet.org Nafeez Mosaddeq Ahmed ha scritto I nostri terroristi. (Ahmed è direttore esecutivo dell’Istituto per la politica di ricerca e sviluppo (IPRD) a Londra) Tra i punti indicati:
1. Bin Ladin e i suoi amici islamici ricevettero circa mezzo miliardo di dollari all’anno dalla CIA, e circa lo stesso dai sauditi. La CIA e i suoi amici hanno sostenuto al-Qaida, “come contrappeso alle… tendenze politiche di sinistra e nazionaliste.” La CIA e i suoi amici volevano diffondere l’estremismo islamico in Paesi come lo Yemen, l’Indonesia e le Filippine.
2. Graham Fuller, ex vicedirettore del Consiglio Nazionale sull’Intelligence della CIA, ha affermato: “La politica di dirigere l’evoluzione dell’Islam e di sostenerlo contro i nostri avversari ha funzionato meravigliosamente bene in Afghanistan contro l’Armata Rossa. Le stesse dottrine possono ancora essere utilizzate per destabilizzare quel che resta della potenza russa, e soprattutto per contrastare l’influenza cinese in Asia centrale.”
3. Dal 1992 al 1995, il Pentagono inviò migliaia di mujahidin di al-Qaida dall’Asia centrale all’Europa, per combattere al fianco dei musulmani bosniaci contro i serbi. La musica non cambia in Kosovo. Il luogotenente di bin Ladin nella zona aveva un contatto radio diretto con la leadership della NATO.
4. Nello stesso periodo, l’intelligence USA aumentò il sostegno ai mujahidin di al-Qaida in Cecenia. L’eroina afgana viene fornita alla mafia cecena.
5. In Algeria, gli uomini di bin Ladin furono usati per uccidere gli oppositori del governo. Centinaia di civili furono massacrati dal Gruppo islamico armato (GIA). Il GIA era formato in gran parte da veterani algerini delle forze mujahidin di bin Ladin tornati dell’Afghanistan alla fine degli anni ’80. ‘Yussuf-Joseph’, un agente segreto dell’intelligence militare algerina, disse al Guardian che i massacri di civili in Algeria, attribuiti al GIA, furono ‘opera degli squadroni della morte dei servizi segreti e dell’esercito‘. Il dr. Jeremy Keenan, direttore degli studi del Sahara presso la University of East Anglia, documenta una crescente quantità di prove che suggeriscono che la presunta diffusione delle attività terroristiche in gran parte del Sahara-Sahel, in realtà fu un elaborato inganno da parte di Stati Uniti e dei servizi segreti militari algerini”.
6. Avracotos Gust, il capo della stazione CIA a Islamabad, dice che il Mossad penetrò l’ISI del Pakistan. Il governo e fonti d’intelligence degli Stati Uniti confermano che Israele fornì aiuti finanziari diretti e indiretti ad Hamas alla fine degli anni ’70, in contrappeso all’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP).
7. Sul New Yorker, Seymour Hersh cita la conferma del governo e dei funzionari dell’intelligence degli Stati Uniti “che la CIA e il Pentagono hanno incanalato milioni di dollari dall’Arabia Saudita ai gruppi estremisti sunniti affiliati ad al-Qaida, in tutto il Medio Oriente e l’Asia Centrale“.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Analisi delle proteste in Brasil

Reddit 21 giugno 2013
936406Salve compagni.
Sono qui per informazioni su ciò che attualmente accade in Brasile. Io sono brasiliano, nato e cresciuto nella città di São Paulo, da dove attualmente vi parlo. La prima cosa che voglio dirvi è che non si deve prestare  attenzione a ciò che si racconta delle proteste, e da quello che ho sentito dai compagni di tutto il mondo, che mi parlano delle notizie dei media, non ascoltatele neanche. Le attuali proteste in corso sono assai dinamiche, ma hanno preso una svolta definitiva verso il fascismo. Il contesto delle proteste è il seguente:
La prima ondata di proteste è stata organizzata dal MPL, Movimento Passe-Livre, un movimento anarchico autonomista insediato principalmente nelle università pubbliche. Il suo obiettivo è sempre stato avere dei trasporti pubblici gratuiti. Le proteste furono organizzate in risposta al sindaco Fernando Haddad (socialdemocratico/Partito dei lavoratori) e a Geraldo Alckimin (governatore di destra, conservatore e del socialdemocratico solo di nome PSDB) che hanno aumento le tariffe degli autobus e della metropolitana. Alle proteste si sono immediatamente uniti i partiti comunisti PSTU, PSOL e PCB. MPL, a causa dell’ideologia anarchica, ha denunciato la partecipazione dei partiti. Ciò  diventerà importante in seguito.
I media, in un primo momento, hanno lanciato un’offensiva totale contro le proteste, accusandole di vandalismo e di essere dirette da esponenti della sinistra estrema. Si tratta di un ottimo esempio di giustificazione delle azioni della polizia militare armata del Brasile (una gendarmeria), che ha sparato proiettili di gomma in faccia alla gente (letalmente), picchiato soprattutto donne, e usato molto gas lacrimogeno e spray al pepe per disperdere il movimento, così come diverse tattiche di intimidazione, come arresti ingiustificati (tra cui i famosi arresti per possesso di aceto). I media si sono resi conto che, nonostante tutti i loro sforzi, il movimento aveva un’agenda popolare ed aveva il supporto degli elementi progressisti della popolazione. Un presentatore molto popolare e amato dalla destra ultra-conservatrice ha tentato di porre una domanda estremamente delicata ai suoi telespettatori: sostenete il vandalismo delle proteste in corso? Solo per vedere il suo pubblico reazionario umiliarlo in diretta votando sì. I media, rendendosi conto di non poter più screditare il movimento, e notando che i loro spettatori più reazionari erano pronti a prendervi parte, si sono attivati in nuove strategie.
00000-partidos-agredidosCome avevo già previsto, l’esperto furioso anti-comunista ha ritirato il suo precedente parere e ha iniziato a favorire le proteste, ma ha anche iniziato a sostenere che le proteste erano “molto di più”, dicendo ai suoi telespettatori che le proteste riguardavano un lungo elenco di denunce contro la sinistra, tradizionalmente presentato dai media contro il Partito dei Lavoratori di sinistra e usato elettoralmente dal PSDB di destra. Il resto dei media ha fatto esattamente la stessa cosa. Hanno anche preparato la narrazione sul piano internazionale, con questo video che è diventato il mezzo attraverso cui si conoscono le proteste. Questo sarebbe poi servito a legittimare il colpo di Stato fascista, agli occhi del pubblico internazionale. Ora qui c’è la parte difficile. Come ho detto in un precedente post su questo video particolare, si noterà che non c’è nulla di intrinsecamente socialista. I socialisti, così come i conservatori, detestano
corruzione, sprechi delle spese e degrado dei servizi pubblici. Tuttavia, questo deve essere esaminato nel contesto che i media hanno costruito nel corso degli anni del governo e della presidenza del Paese della semi-sinistra del PT. Forse un esempio con cui la maggior parte dei socialisti avrà più familiarità, è con i media venezuelani e la loro partecipazione al tentativo di colpo di Stato del 2002 contro Hugo Chavez, amico del moderato presidente brasiliano Lula, predecessore dell’attuale presidentessa Dilma. Qual è stata la strategia dei media venezuelani? Ribattere costantemente nella mente dello spettatore l’idea che tutta la sinistra è corrotta, fabbricare accuse quotidianamente e creare la sensazione generale di una crisi continua. Lo stesso è assolutamente vero dal 2000 con i media brasiliani. Infatti, Rede Globo, che ha il quasi monopolio del pubblico televisivo, di proprietà degli eredi miliardari di Roberto Marinho, che aveva una fortuna personale di 60 miliardi di dollari, in precedenza aveva tentato, nel 2007, di innescare un’artificiale marcia “popolare” contro il governo del PT, guidata da diverse celebrità sul suo libro paga. Vorrei anche vivamente ricordare a tutti che il colpo di Stato del 1964 fu preceduto da una marcia di un milione di reazionari nello Stato di Guanabara, invocando il fascismo contro il socialdemocratico riformista Joao Goulart. Quindi, per coloro che semplicemente s’innamorano di una qualsiasi protesta pubblica, pensando che sia impossibile che la destra possa avere il sostegno popolare, la smettano di essere così fottutamente ingenui.
Ora, vi starete chiedendo: “come si può suggerire che le attuali proteste siano fasciste? Sei fuori di testa!” Beh, state leggendo questo e non siete probabilmente in Brasile, guardando nel modo stordito con cui i media trattano il tutto. Probabilmente non siete consapevoli del fatto che l’ordine del giorno contro la “corruzione” è stato suggerito dal capo della polizia militare durante il negoziato con l’MPL, né siete probabilmente consapevoli del fatto che la grande maggioranza dell’opposizione al Partito dei Lavoratori non proviene dalla sinistra radicale, come vorrei fosse, come l’MPL, ma proviene dal PSDB cui metà degli elettori ha nostalgia della dittatura fascista. Così escono fuori per chiederne il ritorno. Il cartello dice “Intervento militare ora. Per il governo democratico dei civili e militari” che, sono sicuro, ricorda il periodo 1964-1986. Mentre scrivo questo, migliaia di militanti di destra bruciano bandiere rosse in Avenida Paulista e chiedono l’impeachment della presidentessa brasiliana Dilma Roussef. Questi militanti pensano che la democrazia esiste solo quando si sposa al neoliberismo, così al suo posto vogliono installare il PSDB o l’equivalente brasiliano di Pedro Carmona.
972005Molte persone di sinistra solo ora se ne rendono conto, ci sono stati alcuni interessanti tentativi di rendere le persone consapevoli dell’imminente colpo di Stato fascista, da parte di alcuni artisti consapevoli che i media e la destra dirottano le proteste iniziali. Ora, i partiti di sinistra hanno cercato di rivendicare il movimento e di lottare contro il programma reazionario che si maschera sempre nelle richieste “apolitiche” per la moralizzazione della politica. La destra e i media si sono  appropriati del discorso anarchico “anti-partito” per denunciare la sinistra nelle proteste, e alcune ali radicali della destra chiedono l’estinzione dei partiti, come fecero prima della dittatura militare del 1964. MPL ed anarchici non riescono a reagirvi e alimentano la retorica della destra. Vi sono anche settori della sinistra troppo isolati, nel loro gruppo di amici e compagni, per rendersi conto che la maggior parte delle persone che partecipano alle marce non è loro amica. La maggioranza delle persone vi ha aderito dopo l’appello dei volponi reazionari dei media. In molte città, le proteste non sono state avviate dalla sinistra, ma sono unicamente proteste di destra contro la politica di sinistra. Non siate ingenui, i comunisti non si radunano per protestare davanti alla residenza dell’ex presidente Lula. Nel frattempo, la Federazione delle industrie dello Stato di San Paolo (un cartello  aziendale, se ci fosse una vera organizzazione fascista, sarebbe questa) sostiene le proteste. Il Pedro Carmona brasiliano affila le zanne.
Quindi trovo estremamente sconvolgente che compagni incompetenti, soprattutto coloro che sostengono di essere socialisti, fondamentalmente forniscano sostegno internazionale a un colpo di Stato fascista. Così, quando la magistratura, che i media dipingono quale grande istituzione moralizzatrice, il cui eroe è il giudice della Corte Suprema Joaquim Barbosa, compisse una specie di manovra per cacciare Dilma Roussef a favore di nuove elezioni, per riportare il PSDB neoliberista al potere, la comunità internazionale sarà pronta a convalidare il colpo di Stato. Dovrei ricordare a tutti che questa è la tattica da manuale del fascismo del 21° secolo, come ci insegna l’Honduras. Il Brasile corre il pericolo di divenire fascista, e io sono stufo di questi stranieri incompetenti che scoprono cosa succede attraverso alcuni stupidi video su youtube sponsorizzati da alcuni think tank, come l’Istituto Millenium o l’equivalente brasiliano dei cubani di Miami, pensando che ciò sia positivo.

Reddit mi fa schifo. (Il sito Reddit, dove è stato postato questo articolo. NdT)
hHL7oPoTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

I disordini della CIA in Brasile


Aangirfan 22 giugno 2013
Optimized-ChangeBrazilCelebs-620x465Arnold Schwarzenegger vuole i “disordini” della CIA in Brasile?
Schwarzenegger BeyonceBeyonce vuole i “disordini” della CIA in Brasile?

Quanti milioni potrebbe aver speso la CIA per questa propaganda, con persone dall’accento statunitense?
83252a921e7e5812330f6a70670097fbJoe Biden era in Brasile alla fine di maggio 2013, preparava la strada ai disordini della CIA?
Cina e Stati Uniti sono in concorrenza sul Brasile: “La Cina e gli Stati Uniti si muovono verso l’America Latina nella speranza di guadagnare maggiore influenza geopolitica in una regione in forte espansione...”
USS_Oak_Hill_(LSD_51)Militari statunitensi in Brasile
L’economia del Brasile è la sesta più grande del mondo grazie al governo attuale. La povertà è stata notevolmente ridotta dal governo attuale. Nell’ultima elezione presidenziale, la candidata del Partito dei Lavoratori Dilma Rousseff, sostenuta da Lula, ha sconfitto quello del Partito socialdemocratico brasiliano José Serra. José Serra è filo-USA ed è fortemente anti-Iran, anti-Venezuela ed anti-Bolivia. Serra avrebbe ridotto la spesa per i programmi di istruzione, salute e lotta alla povertà. Nel caso dei massicci giacimenti di gas e petrolio del Brasile, Serra avrebbe aumentato il ruolo delle imprese private petrolifere straniere.
(Prof. James Petras, Global Research, 20 agosto 2010, Brazil and Venezuela: Two Turning Point Elections this Fall)
Dilma-RousseffLa Presidentessa Dilma Rousseff, leader del Partito dei Lavoratori, o PT
“Il complesso sistema federale del Brasile rende difficile ai manifestanti riporre le proprie preoccupazioni sui trasporti pubblici o addirittura la brutalità della polizia, quando tali materie sono  responsabilità di Stati e Comuni. In più di un decennio di governo del PT, 40 milioni di persone sono salite alla classe medio-bassa, altri milioni studiano presso istituzioni terziarie, mentre la disoccupazione è scesa ai minimi storici. Gli ex poveri rivolgono la loro attenzione oltre la mera sopravvivenza, verso la qualità della vita.” (FT.com)
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora